FESTA DELLA SOLIDARIETA' SABATO 21 MAGGIO 2016
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_1.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_10.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_11.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_13.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_15.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_19.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_2.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_20.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_22.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_23.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_24.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_25.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_26.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_28.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_3.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_4.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_5.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_6.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_7.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_9.JPG
TARTARUGA ONLUS ASSEMBLEA 2015
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_2.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_3.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_4.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_5.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/assemblea 2015_1.jpg
AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO
DOMENICA 04 OTTOBRE 2015 PARCO D'AUTORE
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/10_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/11_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/12_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/13_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/14_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/15_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/16_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/17_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/18_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/19_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/1_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/20_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/21_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/22_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/23_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/2_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/3_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/4_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/5_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/6_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/7_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/8_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/9_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/ALBERO MIO.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/Cancello_Max.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/GRUPPO TARTA.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/LUNA AL PARCO.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/QUADRO_1.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/QUADRO_2.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/VOLANTINO BACK.png
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/VOLANTINO FRONT.png
FORUM PARKINSON "CORRIERE DELLA SERA"
Il valore della sconfitta ...

Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Michael J. Fox Foundation
IL Vascello
Welfare Cremona
Cremona Oggi
Set
09
2017

I Giornalini

Scritto da Piero Pianu Ultimo aggiornamento (29 Settembre 2017)
PDFStampaE-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

N.5

N.4

Parkinson Italia
Parkinson.It
Google News
Il coraggio e l'Amore

Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Run for Parkinson's ITALIA
Vivere Cremona
Forum Terzo Settore Cremona