FESTA DELLA SOLIDARIETA' SABATO 21 MAGGIO 2016
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_1.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_10.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_11.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_13.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_15.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_19.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_2.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_20.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_22.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_23.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_24.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_25.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_26.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_28.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_3.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_4.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_5.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_6.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_7.JPG
  • IMMAGINI/FESTA_SOLIDARIETA_2016/FOTO_9.JPG
TARTARUGA ONLUS ASSEMBLEA 2015
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_2.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_3.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_4.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/ASSEMBLEA 2015_5.jpg
  • IMMAGINI/ASSEMBLEA TARTA 2015/assemblea 2015_1.jpg
AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO
DOMENICA 04 OTTOBRE 2015 PARCO D'AUTORE
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/10_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/11_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/12_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/13_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/14_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/15_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/16_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/17_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/18_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/19_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/1_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/20_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/21_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/22_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/23_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/2_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/3_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/4_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/5_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/6_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/7_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/8_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/9_FOTO F_P_AUTUN_2015.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/ALBERO MIO.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/Cancello_Max.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/GRUPPO TARTA.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/LUNA AL PARCO.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/QUADRO_1.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/QUADRO_2.jpg
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/VOLANTINO BACK.png
  • IMMAGINI/FESTA D_AUTUNNO PARCO D_AUTORE_OTTOBRE_2015/VOLANTINO FRONT.png
FORUM PARKINSON "CORRIERE DELLA SERA"
Il valore della sconfitta ...

Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Michael J. Fox Foundation
IL Vascello
Welfare Cremona
Cremona Oggi

Rassegna stampa

Ultimo aggiornamento (07 Gennaio 2014)
PDFStampaE-mail

 

Cremona, 8 novembre 2011

Le Associazioni del 3° Settore del cremonese esprimono soddisfazione per il percorso di confronto e condivisione che ha condotto l’Amministrazione Comunale di Cremona  a proporre modifiche significative alla prima bozza del “Regolamento per la disciplina dell’affidamento di beni immobili a terzi”.

Al di là dei contenuti, ci sembra che la consultazione preventiva, l’ascolto e la partecipazione siano strumenti indispensabili nel rapporto fra Amministrazione Pubblica e 3° Settore, soggetto che esprime non solo grandi valori di solidarietà umana ma anche un ruolo di rappresentanza civile e democratica – centrale nella nostra comunità -.

Ringraziamo quindi il Vicesindaco Sig.  Carlo Malvezzi per la disponibilità dimostrata e tutti quei consiglieri della Commissione Patrimonio che, richiedendo o accettando il rinvio dell’oggetto, hanno consentito il percorso compiuto.

Particolarmente significativo ci è sembrato l’incontro tenutosi il 24 ottobre fra il Vicesindaco e le Associazioni interessate, dove è stato possibile comprendere le rispettive posizioni e motivazioni  e dove le Associazioni hanno potuto esprimere le loro proposte su un tema come quello della sede che è vitale per la loro sopravvivenza ed il loro operare per il bene della città.

Da questo incontro sono emerse modifiche al “Regolamento” che ci sembra abbiano recepito alcuni punti nodali per le Associazioni:

  1. la diversa suddivisione del “Regolamento”, con un Titolo I° riguardante i principi generali ed un Titolo III° dedicato alle Associazioni risponde, anche se in parte, alla nostra richiesta di uno strumento normativo dedicato esclusivamente al 3° Settore.
  2. Il punto 1) dell’art. 8 riconosce il valore e l’azione sociale del 3° settore.
  3. L’art. 9 prevede criteri di trasparenza per l’informazione sulla disponibilità degli  immobili bando.
  4. L’art. 10 recepisce la richiesta che siano  inseriti nel “Regolamento” alcuni criteri per la riduzione del canone sulla base dei quali verranno prese le decisioni della Giunta e degli Uffici e che riducono  l’ampio margine di discrezionalità previsto nella prima bozza.
  5. Auspichiamo la massima trasparenza  anche per questo percorso e la massima disponibilità dell’Amministrazione nel sostenere economicamente le Associazioni.

  1. L’art. 11 chiarisce compiti e ruoli riguardo gli interventi da eseguirsi sugli immobili, tema molto critico particolarmente per le Associazioni prive di risorse esterne.

Complessivamente quindi ci sembra che siano stati recepiti alcuni punti nodali anche se solo la concreta attuazione del “Regolamento” potrà dire se esso risponde a pieno allo scopo di sostenere e promuovere una delle maggiori ricchezze sociali e valoriali del territorio.

I Portavoce

Forum 3° Settore Provinciale                                              Daniela Polenghi

Forum 3° Settore di Cremona e del Cremonese                   Agostino Tonarelli

 

 

20 Ottobre 2012 ore 11

Inaugurazione della nuova sede della Tartaruga Onlus

all'interno della Cittadella dei Servizi alla Persona


 


 

"La Provincia" 14 dicembre 2013

"La Provincia" 21 aprile 2013

"La Provincia" 20 aprile 2013

"La Provincia" 12 marzo 2013

"La Provincia" 28 novembre 2012

"La Provincia" 19 maggio 2012

"La Provincia" 15 aprile 2012

"La Provincia" 10 aprile 2012

"La Provincia" 16 maggio 2011

"Più" 7 maggio 2011

"La Provincia" 18 aprile 2011

"La Provincia" 7 dicembre 2010

"La Provincia" 26 aprile 2010

 

"Più" 13 marzo 2010

 

"La Provincia" 26 febbraio 2010

 

"Vita Cattolica" 21 gennaio 2010

 

"Il Piccolo" 16 ottobre 2009

Parkinson Italia
Parkinson.It
Google News
Il coraggio e l'Amore

Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Run for Parkinson's ITALIA
Vivere Cremona
Forum Terzo Settore Cremona