AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO
DOMENICA 04 OTTOBRE 2015 PARCO D'AUTORE
FORUM PARKINSON "CORRIERE DELLA SERA"
Il valore della sconfitta ...

Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Penso che sia necessario educare le nuove generazioni
al valore della sconfitta. Alla sua gestione.
All’umanità che ne scaturisce. [...]
A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare
sul corpo degli altri per arrivare primo.
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti,
di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere,
che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo,
dell’apparire, del diventare…. A questa antropologia del vincente preferisco
di gran lunga chi perde. È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.
(Pier Paolo Pasolini)


Michael J. Fox Foundation
IL Vascello
Welfare Cremona
Calendario
giugno 2017
lunmarmergiovensabdom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930 
Cremona Oggi

La Tartaruga onlus

Ultimo aggiornamento (18 Maggio 2017)
PDFStampaE-mail

Associazione Cremonese Parkinson e Disturbi del Movimento

L'Associazione si propone di curare attività di sostegno e
supporto alle persone con Parkinson e disturbi del movimento,
di promuovere la ricerca sociale per migliorare la qualità
dei servizi rivolti alle persone "della Tartaruga".

 

La Tartaruga onlus organizza il Run for Parkinson's, sabato 3 giugno 2017.

In tale occasione si svolgerà una camminata ludico-motoria di solidarietà, con iscrizione libera. Il ritrovo è fissato per le 14:30 presso la zona delle ex Colonie Padane, via Lungo Po d'Europa 2.

Vi invitiamo a camminare con noi: accorrete numerosi!

Locandina Run for Parkinson's 3 giugno 2017

La primavera sta per arrivare e La Tartaruga onlus si è organizzata per un risveglio fisico con l'arrivo della bella stagione, con il proseguimento dell'attività motoria e la ripresa del corso di nordik walking. Qui sotto potete trovare i calendari delle attività.


Calendario Attività Motoria:


Calendario Nordik Walking:

 

Continua ancora il corso di Musicoterapia con gli ultimi appuntamenti di marzo:

__________________________________________________________________

Buon 2017 a tutti da La Tartaruga onlus!

Per iniziare bene l'anno, l'associazione promuove a partire dalla settimana di lunedì 9 gennaio dei corsi di attività motoria e musicoterapia: qui sotto potete trovare i calendario delle rispettive attività.

 

Calendario Attività Motoria:

 

Calendario Musicoterapia:

__________________________________________________________________

È uscito il nuovo numero del giornalino dell'associazione La Tartaruga... Informa.

__________________________________________________________________

 

Per portare beneficio alle famiglie di parkinsoniani e i loro congiunti colpiti dal terremoto

Chiediamo di


AIUTARE e AIUTARCI ad AIUTARE

SOSTENIAMO

ASSOCIAZIONE PARKINSON RIETI


c/o Diocesi di Rieti – Ufficio per la Pastorale della Salute

Via Cintia, 83 - 02100 Rieti


LIBERA DONAZIONE SUL CONTO CORRENTE BANCARIO

IT09  J033  5901  6001  0000  0135  094 (BIC per operatività estera: BCITITMX)

BANCA PROSSIMA, filiale 05000 – Piazza Paolo Ferrari, 10 – 20121 MILANO

 

 

__________________________________________________________________

 

 

Il 25 giugno scorso si è tenuta presso la sede del Forum un’importante e partecipata assemblea sul tema: “Attuazione della Legge Regionale 23/2015: c'è spazio per il contributo del Terzo Settore?”

 

_____________________________________________________________

 

 

 

L’intervento del Forum del Terzo Settore di Cremona anche in merito alle forti
preoccupazioni e perplessità riguardanti il taglio della regione Lombardia alla
Spesa per i Servizi Sociali che dai 70 Miliardi di € per il 2015
è sceso ai 54 Miliardi di € per il 2016 andrà ai 9 Miliardi di € per il 2017,
apre un possibile spazio, nei territori, di dialogo e confronto nel merito.
Con questi tagli nessuna Vera riforma efficiente ed efficace, che pone al centro
l’essere umano, del Servizio Socio-Sanitario Regionale Lombardo
potrà mai essere realizzata.

Questo possibile spazio di dialogo grazie anche alla disponibilità ed impegno
del Consigliere Regionale Carlo Malvezzi ed alla professionalità del
Direttore ASST Cremona Dott.ssa Paola Mosa.


Leggi qui la sintesi degli argomenti affrontati



Leggi qui i Piani Organizzativi Strategici di ATS e ASST



Leggi qui le Slide della Dott.ssa Paola Mosa


 

 

 

___________________________________________

 

5 GIUGNO 2016 IL PRANZO DELLA TARTARUGA A
CASCINA MORENI

 

 


___________________________________________

 

RUNFORPARKINSON 2016 E FESTA DELLA SOLIDARIETA'

 

Sabato 21 Maggio 2016

dalle ore 14:30 alle ore 18:30

Al Parco Maffo Vialli Via Lungo Po Europa - Colonie Padane - Cremona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

_____________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

______________________________________________________________________

 

Parkinson che ne sai?

Quinta  edizione 2016

 

Incontri di approfondimento di aspetti legati alla Malattia di Parkinson e ai parkinsonismi

 

Sabato 19 Marzo 2016 ore 10:00

LE FOTO DELL'INCONTRO DEL 19 MARZO 2016


Sabato 16 Aprile 2016 Ore 10:00

Sabato14 Maggio 2016 Ore 10:00


Presso Cisvol

Via San Bernardo 2 – Cremona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTIVITA' DELLA TARTARUGA ONLUS



Dal mese di Marzo 2016 riprendono le attività di:


- Riabilitazione Motoria presso Cremona Solidale

- Musico Terapia presso Cremona Solidale

- Nordic Walking presso la Pista Ciclabile al Parco Po delle Colonie Padane


Alle attività possono partecipare i Soci della Tartaruga Onlus ed i loro Famigliari

Le attività termineranno a fine Maggio 2016

 

 

 

La Tartaruga ... Informa n°7 Il Giornale della Tartaruga Onlus

 

 

 

Sabato 19 Dicembre 2015
alla Palestra Comunale di Vescovato alle ore 20:30

 

Lo Spettacolo: "Stelle di Natale"


 

 

 

 

 

Domenica 13 Dicembre 2015
presso il Centro Sportivo San Zeno dalle ore 15:30

 

La Tartaruga Onlus festeggia insieme ai suoi Soci ed Amici

 

 

 

 

 

 

Sabato 28 Novembre 2015

GIORNATA NAZIONALE PARKINSON 2015

 

Ospedale di Cremona


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 21 Novembre 2015

dalle ore 9:00 alle ore 12:30

Convegno:

 

IL DIRITTO ALLA SALUTE PER
LA LOTTA ALL'EMARGINAZIONE SOCIALE

 

 

Cittadella della Solidarietà

Salone della palazzina dei Servizi

Viale Trento e Trieste 35

Cremona

 

 

 

 

 

PARKINSON POST OTTOBRE 2015

1a Conferenza dei Presidenti


 

 

 

 

 

Sabato 24 OTTOBRE 2015 Ore 9-11

 

via Formis 4 - Casalmaggiore
Presso Sala Marinai — Fondazione Conte Carlo Busi

 

"Sintomi, terapia, riabilitazione …Parkinson che ne sai?"


 

 

 

 

24 SETTEMBRE 2015


Alla quattordicesima edizione del Concorso Triennale di liuteria “Antonio Stradivari”, Cremona 2015

 

 



"Testo e Fotografia di Antonio Leoni © - quotidiano web Il Vascello"

 

 

“Una medaglia speciale rende omaggio alla carriera di Giorgio Cè, Maestro cremonese, per anni docente alla scuola internazionale di liuteria e vincitore della medaglia d’oro nella sezione violino alla prima edizione del Concorso Triennale, nel 1976.”

 

 

 

 

 

4 OTTOBRE 2015

PARCO D'AUTORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Amarcord ...

14 Giugno 2015

Gita sul Fiume Adda

 

 

 

 

 

 

 

SABATO 26 SETTEMBRE 2015

CIAK SI GIRA ... NORDIC WALKING

ALLA CITTADELLA DELLA SOLIDARIETA' ...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

... BUONA LA PRIMA  Fico


PUOI VEDERE LE ALTRE IMMAGINI NEL BOX

QUI A DESTRA SOPRA "LAVORA PER LA PACE"

 

 

PERCHE' IL NORDIC WALKING E' UTILE AL MALATO PARKINSONIANO
(DA PARKINSON ITALIA)

 

 

 

____________________________

 

 

CITTADELLA DELLA SOLIDARIETA'

PARCO D'AUTORE

FESTA D'AUTUNNO IN ARTE

DOMENICA 4 OTTOBRE 2015

DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 19:00

 

 

 

 

 

 

 

 

_______________________________________________________________________

 

_____________________________
"Fotogrammi" della Festa del Volontariato









_____________________________
La Tartaruga sarà presente


alla FESTA DEL VONTARIATO


"EXPOniamoci:

Costruire legami, nutrire la Comunità"


Ci potrete trovare in Via Baldesio

 

 

 

 

_______________________________________________________________________

 

 

Corso di ginnastica 2015 tenuto dal DOTT:GIANLUCA FT ROSSI

dal 18 settembre al 27 novembre


 

 

 

 

____________________________


Cittadella della Solidarietà

PARCO SOTTO LE STELLE

Martedì estivi tra le stelle, sogni e pianeti

7 - 14 - 21 Luglio al Parco del Vecchio Passeggio

 

 


 

Domenica 17 Maggio 2015 dalle ore 10 alle ore 18

Parco del Vecchio Passeggio
Viale Trento e Trieste 35 Cremona

"Cittadella in Fiore"

Festa Solidale di Primavera

 

 

 

 

 

 

Programma della Festa


 

 

 

I Fiori in carta crespa realizzati dalle Socie e dalle Volontarie della Tartaruga


 

 

 

 

 

 

 

 

"Dagli occhi nuove cure per il Cervello" una ricerca potenzialmente utile per le malattie di Parkinson e Alzheimer

 

dalla rivista "Panorama" del 29 Aprile 2015

 

Sabato 3 dicembre 2016, alle ore 16:30, La Tartaruga ha organizzato un incontro: "DALLA LINEA ALLA TRACCIA" del dott. Giovanni Rizzini,
medico psichiatra.
Nell'incontro il dott. Rizzini illustrerà, con video ed immagini delle proprie esperienze personali, la pratica dello sci-alpinistico
come occasione di maturazione della persona.
Al termine della presentazione verrà offerto un rinfresco. Cogliamo l'occasione anche per salutarci prima della pausa natalizia.
Vi aspettiamo numerosi!
Parkinson Italia
Parkinson.It
Google News
FESTA DELLA SOLIDARIETA' SABATO 21 MAGGIO 2016
Il coraggio e l'Amore

Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


Il coraggio e l'amore sono
le uniche virtù indispensabili;
esse manterranno vive l'anima
anche se tutte le altre dovessero
addormentarsi o venire eclissate
(Aurobindo)

###
###
###
###
###
###
###
###
###
###


TARTARUGA ONLUS ASSEMBLEA 2015
Run for Parkinson's ITALIA
Vivere Cremona
Forum Terzo Settore Cremona